Sei un ente? Accedi o Registrati
20.03.2019

Unistem Reloaded

Un tour in trenta tappe per farvi innamorare della scienza

Nanni Bignami, indimenticabile fisico e divulgatore scomparso due anni fa, in un’intervista disse che «gli scienziati sono come i preti e i carabinieri» perché hanno «la vocazione». La mia è arrivata mentre preparavo la tesi sperimentale, davanti al plotter di un’azienda farmaceutica: ogni mattina stampava su fogli enormi i risultati degli esperimenti fatti il giorno prima. Se i numeri si ripetevano uguali a sei a sei, voleva dire che avevo lavorato bene e potevo andare avanti. Ogni mattina correvo verso la stampante, impaziente di leggere quei numeri. Così come si corre a un «primo appuntamento». Avevo 22 anni e mi ero innamorata della scienza. 

Questa passione inesauribile per la ricerca e la conoscenza è il tratto che accumuna ogni studioso. In nome di quella passione ci si mette in prima linea, aggiungendo, alla fitte giornate di ricerca, lavoro e tempo, anche quando non c’è, per rimuovere diffidenze e paure infondate, creare alleanze con la società e tra generazioni e alimentare, per non disperderle, le piccole e grandi «vocazioni» dei giovani.

Con questo obiettivo è nato l’UniStem Day di cui abbiamo spento l’undicesima candelina (UniStem è il nome del Centro studi sulle cellule staminali della Statale di Milano), il più grande evento internazionale di divulgazione scientifica per gli studenti che ha coinvolto 30 mila ragazzi, in 99 università e istituti in Italia e nel mondo. 

In questi 11 anni abbiamo coinvolto decine di migliaia di ragazzi in attività in grado di avvicinarli alla scienza, tra seminari, video, tavole rotonde, visite nei laboratori. Sono in molti a scrivere di avere scelto medicina, biotecnologie, biologia, fisica, agraria dopo aver partecipato ad uno degli UniStem Day. 

 

Queste reazioni, così incoraggianti, ci hanno convinto ad azionare una marcia in più: grazie alla collaborazione tra UniStem, la Statale di Milano e la Fondazione Tim e spronati dalle richieste delle scuole, nei prossimi mesi partirà l’UniStem Tour. Un progetto biennale che porterà on the road i valori dell’UniStem Day. Durante questo viaggio in 30 tappe alcuni dei «numeri uno» del mondo scientifico si metteranno a disposizione dei ragazzi per raccontare la propria storia di vita e professionale, per ispirarli, allenarli al metodo scientifico in un’epoca di fake news e alimentare «la vocazione». Tra gli scienziati, ci sono la direttrice del Cern Fabiola Gianotti, Cristina Cattaneo, Roberto Burioni, Michele De Luca, Alessio Figalli e Alberto Mantovani. 

 

Questo viaggio partirà l’8 maggio per riprendere a settembre. Traccerà un binario ideale per unire regioni, scuole, giovani con l’obiettivo di unire generazioni di persone e idee che interagiscono fra loro, per immaginare «tracce di futuro» che spronino, nei giovani, la fiducia nelle loro risorse intellettuali. Sono traguardi ambiziosi, come lo sono quelli di chi si siede al bancone del laboratorio con una «scintilla» da sperimentare per trasformarla in conoscenza. Vi faremo innamorare della scienza.

 

Elena Cattaneo Docente Statale di Milano e Senatrice a vita.