Istruzione
il progetto

Curriculum Mapping

Centro Studi ImparaDigitale

Una piattaforma per la mappatura dei corsi di studio, per facilitare la condivisione dei programmi tra docenti e tra scuole dello stesso network e la fruizione ordinata e integrata dei contenuti didattici digitali da parte degli studenti.
La piattaforma del Curriculum Mapping è disponibile a questo link.

Dove

Milano

Milano

Valore del progetto

€ 210.000

Contributo
Fondazione TIM

€ 180.00

Data di avvio

01.2014

Durata
Prevista

12 mesi

Target

Insegnanti e studenti.

Team

team-icon

Anna Ragosta

team-icon

Dianora Bardi

team-icon

Aurora Mangiarotti

team-icon

Simona De Pascalis

team-icon

Claudio Gasparini

team-icon

Marcella Jacono

team-icon

Rosangela Mapelli

team-icon

Massimiliano Andreoletti

team-icon

Ferdinando Pennarola

team-icon

Sara Salih

team-icon

Pierangelo Soldavini

 

 

Il progetto in breve

Il progetto prevede la realizzazione di una piattaforma per la mappatura dei corsi di studio: uno strumento utile per facilitare la condivisione dei programmi tra docenti della stessa disciplina e tra scuole dello stesso network educativo, la loro supervisione da parte dei coordinatori didattici, la fruizione ordinata e integrata dei contenuti didattici digitali da parte degli studenti.

Mappare il curriculum  significa rendere intelligibile, condivisibile e trasparente il curriculum scolastico e le sue componenti.

Con il Curriculum Mapping si possono vedere in modo sinottico:

• i valori educativi fondamentali della scuola;
• le competenze di riferimento;
• la loro applicazione nei diversi assi culturali e livelli o gradi di scuola;
• la programmazione annuale per ogni anno e ciclo scolastico;
• la strutturazione delle unità formative della programmazione.


Progettando, programmando e pianificando il curricolo su di un’unica piattaforma anziché con modalità diverse e non mappabili, si raggiungono alcune finalità molto importanti:

• condividere obiettivi e programmi tra insegnanti della stessa scuola o di gruppi di scuole;
• rendere accessibili i contenuti didattici digitali a insegnanti e studenti;
• monitorare, aggiornare ed e adattare l’andamento della programmazione disciplinare in tempo reale;
• permettere la supervisione del curriculum da parte dei coordinatori didattici.


Nato come approccio negli USA (H.H. Jacobs, 1989, 1997, 2009) dove è largamente diffuso, il Curriculum Mapping si sposa con la programmazione per competenze avviata nelle scuole italiane ed europee.

È un processo che porta ad accumulare sapere sulla didattica, rendendolo confrontabile.
Il processo di svolge interattivamente in tre fasi:

Documentare: per ogni parte del curriculum si registra in modo analitico il contenuto, per quale competenza e
  con quali modalità viene insegnato;
Valutare: i risultati sono valutati sia in base ai feedback relativi alla singola parte sia nel suo complesso in modo
  da reindirizzare il corso durante il suo svolgimento o la struttura di corsi simili;
Revisionare: Si revisiona il curriculum, anche durante lo stesso corso, sulla base degli input registrati.

 

Per approfondire:

www.imparadigitale.it/progetto-curriculum-mapping

Tablet School – La scuola del futuro nasce dal confronto

Un’occasione di confronto in giro per l’Italia organizzata da ImparaDigitale che porta studenti e docenti a lezione alla scuola digitale del futuro, quella che si sta sviluppando nelle sperimentazioni e nei modelli dal basso.

La scuola italiana si sta lentamente digitalizzando con un processo che parte dalle esperienze e dai modelli proposti dagli insegnanti e dalle scuole: le sperimentazioni sulle nuove metodologie didattiche che integrano i new media nel processo di apprendimento degli studenti aumentano sempre più nelle aule in tutta Italia. Sostenuti dall’entusiasmo e dalla volontà di singoli e di gruppi di docenti, queste innovazioni raggiungono una qualità e un rigore metodologico di alto livello. Ma hanno un solo limite: troppo spesso rimangono isolate e non riescono a mostrarsi ai colleghi. Come spesso succede in Italia, anche nella scuola le eccellenze sono diffuse, ma si fa fatica a trasformarle in modelli e in sistemi funzionali e integrati.

Diventa quindi fondamentale mostrare e mettere a confronto le diverse esperienze che si stanno realizzando. Perché oggi non esiste un modello unico di didattica per la nuova era della conoscenza, ma si sviluppano diverse esperienze metodologiche che possono integrarsi e svilupparsi a seconda della realtà scolastica in cui ci si trova ad operare.

È questa l’analisi da cui è partita ImparaDigitale per mettere a punto il format di Tablet School, che permette a studenti e docenti di andare a lezione per comprendere dal vivo come la tecnologia sta rivoluzionando la didattica in un’ottica di inclusività  e di personalizzazione. Tutti possono così per una giornata trasformarsi in studenti per assistere alle lezioni secondo i nuovi metodi didattici e le diverse sperimentazioni che stanno cambiando la scuola italiana.

In una giornata, con un format già sperimentato lo scorso novembre a Milano, vengono simulate lezioni sulla base dei diversi metodi didattici, facendo scuola in classi scomposte e classi 3.0 e con lezioni sulla base di flipped classroom, riproducendo modalità per la costruzione di contenuti autoprodotti, imparando il linguaggio della programmazione informatica, utilizzando la didattica per competenze, costruendo lezioni e programmi nella “cloud” e molto altro. I ragazzi e i docenti potranno scegliere tra una ventina di “lezioni” in cui si coniuga la scuola digitale che sta prendendo forma nelle scuole italiane.

Poi la giornata si trasforma in un’occasione di dialogo tra gli attori del mondo scuola per confrontarsi sulle difficoltà sulla strada del cambiamento e sulle modalità migliori per realizzare una nuova didattica.

Sarà così anche in occasione dei prossimi appuntamenti già fissati ad Ancora, Udine e Roma, in cui ImparaDigitale propone il suo metodo didattico basato sulle tecnologie digitale a fianco alle altre sperimentazioni avviate in Italia e presentate dai loro stessi artefici.

Perché nessuno può pensare di avere in mano le soluzioni e i modelli esclusivi per la scuola di domani, che nascerà invece dal confronto tra tutte le parti coinvolte e dalla condivisione delle esperienze innovative di trasformazione della didattica.

TABLET SCHOOL 3

15 novembre 2014
Si è tenuto a Milano Tablet School 3, il terzo meeting nazionale degli studenti sulla scuola digitale del futuro.
Il video dell’evento realizzato da Impara Digitale.

TABLET SCHOOL 4

26 febbraio 2015

Si è tenuto ad Ancona Tablet School 4, il quarto meeting nazionale degli studenti sulla scuola digitale del futuro.

TABLET SCHOOL 5


21 marzo 2015

Si è tenuta a Udine la quinta edizione del Tablet School di ImparaDigitale, il meeting nazionale che riunisce studenti e insegnanti per una scuola sempre più digitale e proiettata nel futuro.

TABLET SCHOOL 6

9 maggio 2015

Il sesto appuntamento con Tablet School di ImparaDigitale si è tenuto a Roma.