Fondazione Telecom Italia
 

Istituto Superiore di Sanità

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Associazione Italiana Dislessia

Dislessia 2.0. Soluzione Digitale

Nel 2009 Fondazione TIM ha avviato il suo primo progetto sul tema della dislessia, grazie al Programma Dislessia, sviluppato in partnership con AID, che ha coinvolto dal 2009 al 2014 700.000 studenti, 20.000 docenti e 10.000 scuole.

Nel 2016 la Fondazione rinnova e rafforza il suo impegno sul tema con il nuovo progetto “Dislessia 2.0. Soluzione Digitale” che propone per la prima volta in Italia un approccio digitale integrato a questo disturbo. Il progetto, realizzato con l’appoggio del MIUR e del Ministero della Salute, propone un approccio sistemico integrato che vede coinvolti più soggetti in una struttura a rete: la scuola, le aziende sanitarie, le famiglie, gli enti come la Fondazione TIM, e ovviamente, lo Stato. Il progetto si compone di 3 iniziative realizzate in partnership con altrettanti Enti.

progetto dislessia 2.0
SMART@PP

SMART@PP

Ente:
Istituto Superiore di Sanità
DISLESSIA ON LINE

DISLESSIA ON LINE

Ente:
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
DISLESSIA AMICA

DISLESSIA AMICA

Ente:
Associazione Italiana Dislessia
 

Dove

mappa Italia

Valore del progetto

€ 728.478

Contributo Fondazione Telecom Italia

€ 430.000

Data di avvio

02.2016

Durata
prevista

18 mesi
 
Target

Target

Bambini, ragazzi e adulti dislessici, genitori, pediatri e docenti

obiettivi

Obiettivi

Approfondire la tematica della diagnosi neonatale e della prima infanzia sui disagi della comunicazione (Dislessia, Autismo, altri).

Creare nel mondo della sanità (Pediatri, Ministero Salute, Istituto Superiore di Sanità) uno screening precoce e rapido on line a cui sottoporre la totalità dei bambini in età scolare.

Connettere il mondo della scuola con il supporto del Miur per garantire la necessaria formazione dei docenti (on line tramite e-learning) dopo aver elaborato un protocollo di “gold standard” condiviso.

Dare opportuna
comunicazione
del progetto a tutti gli stakeholder.

Raccogliere i dati
relativi alla dislessia in un unico repository.

 

Progetto Smart@pp: piattaforma di screening per l’analisi del rischio di disagi della comunicazione

Ente: Istituto Superiore di Sanità 
Durata: 18 mesi
Target: genitori e pediatri

Progetto Smart@pp: piattaforma di screening per l’analisi del rischio di disagi della comunicazione tramite nuove tecnologie

Il progetto Smart@pp persegue l'obiettivo di creare una piattaforma di screening precoce dei disturbi della comunicazione e del neurosviluppo dai 6 ai 36 mesi. L'app, elaborata sia in versione iOS che Android per tablet e smartphone, permetterà di effettuare uno screening automatico ultra-precoce dei disturbi della comunicazione. La app guiderà il genitore e il pediatra con delle domande puntuali secondo gli standard riconosciuti di screening.

Verrà inoltre avviata una sperimentazione sulle componenti frequenziali della lallazione e della prosodia al fine di investigare nuovi possibili biomarcatori ultra-precoci dei disturbi della comunicazione.

L'app sarà gratuita e accessibile a tutti e sarà sviluppata e manutenuta dall’ISS e dal CNR – ISASI.

L’implementazione della piattaforma prevede il coinvolgimento del Network Italiano per il riconoscimento precoce dei Disturbi dello Spettro Autistico che include i più importanti centri clinici e di ricerca in ambito disturbi del neurosviluppo (Ospedali, ASL/ASP, Università e Istituti di Ricovero e Cura a carattere Scientifico - IRCCS) per la predisposizione dei test e la sperimentazione sul campo: Università  Campus  Bio-Medico  di  Roma, IRCCS Eugenio Medea, Azienda Sanitaria Provinciale Palermo, IRCCS Fondazione Stella Maris, IRCCS Osp. Pediatrico Bambino Gesù, Centro Interdipartimentale Mente e Cervello, Centro Autismo e Sindrome di Asperger, Ospedale di Mondovì.

Progetto Dislessia on line : screening on line e recupero delle difficoltà di lettura

Ente: Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Durata: 18 mesi
Target: genitori, pediatri, insegnanti e dislessici adulti

Il progetto Dislessia on line prevede lo sviluppo di prove di lettura on line gratuite e accessibili a genitori, insegnanti e pediatri, così da permettere solo a coloro che presentano reali difficoltà (che attualmente non riescono a ricevere una diagnosi in tempi brevi) di afferire ai servizi specializzati (riduzione stimata del 25%).

Sarà creata una piattaforma interattiva on line, sessioni on line di training personalizzato per recuperare le difficoltà di lettura con una sessione finale per verificare l’apprendimento. Le prove e il training verranno elaborati dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (OPBG), valutati da un panel di specialisti della materia e certificati da MIUR e Minsal. Coloro che continueranno a mostrare difficoltà a seguito del training verranno invitati per una diagnosi approfondita presso le strutture competenti. Verrà elaborato un manuale on line e la comunicazione differenziata per i 3 target (genitori/docenti e pediatri) su tutti i mezzi di comunicazione (brochure presso scuole, Pediatri e ASL, video su web, spot su TV sia “sociali” che “a pagamento”).

La piattaforma sarà un sito web indipendente e la manutenzione e l’aggiornamento saranno a cura dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Si stima che il servizio potrà raggiungere circa 100.000 utenti.

Progetto Dislessia Amica: piattaforma e-learning per le scuole

Ente: Associazione Italiana Dislessia
Durata: 18 mesi
Target: genitori, docenti, dirigenti e studenti

Il progetto Dislessia Amica ha l'obiettivo di coinvolgere il 30% delle scuole italiane in 18 mesi  tramite una piattaforma di e-learning per docenti e operatori della scuola. La piattaforma sarà creata da AID - Associazione Italiana Dislessia, ente riconosciuto dal MIUR per la formazione dei docenti in ambito Dislessia. La piattaforma avrà link dal sito FTI e dal sito AID.

Verranno organizzati corsi e web seminar di formazione con docenti e dirigenti ai fini di una certificazione «Dislessia Amica» delle scuole interessate a partecipare.

Il coinvolgimento delle scuole ha l'intento di far sì che le famiglie possano orientarsi sulle scuole «Dislessia Amica» per i loro figli con dislessia. Durante la durata del progetto l’e-learning verrà gestito on line e sarà gratuito e accessibile a tutti.